Chi siamo

Una scatola di idee, di emozioni, di passioni, perché no anche un contenitore di sogni. E' questo quello che ci piacerebbe realizzare. Grazie all'energia vitale, il bene più prezioso, quella forza che fa trovare anche con pochi mezzi e fondi, idee geniali e coinvolgenti.

L'associazione ratatoj si pone l'obiettivo di aprire una riflessione sui processi culturali ed artistici che investono la società contemporanea, caratterizzata sia da costanti mutamenti e trasformazioni che dalla continua produzione di nuovi linguaggi e codici espressivi.
Per comprendere le dinamiche e i processi della società e dei suoi attori sociali e per incidere sui bisogni e le esigenze di questi ultimi è necessario conoscerne i linguaggi, le rappresentazioni simboliche e le innovazioni culturali che ne condizionano i mutamenti. Il circolo ratatoj si propone, attraverso seminari, studi ed iniziative pubbliche, di aprire un "confronto" costante con gli esponenti del mondo della cultura, dello spettacolo e con tutti coloro che lavorano nel settore delle rappresentazioni simboliche e culturali e che rappresentano o influenzano, attraverso simboli e codici espressivi, l'immaginario collettivo.

Inoltre, ponendo l'accento, nello stesso tempo, sul territorio locale e globale, Il circolo ratatoj si pone l'obiettivo di proporre, indicare, raccontare, condividere attraverso il confronto e l'analisi, nuovi modelli culturali da promuovere nell'ambito di uno sviluppo sostenibile ed ecocompatibile, nel rispetto dell'ambiente, delle pari opportunità, del pluralismo per tutelare la dignità creativa delle differenze culturali, per riconoscere e rispettare il valore d'ogni persona, d'ogni progetto di vita non distruttiva e preservare la libertà di tutti e di ciascuno, per una società fatta di vita, opzioni, ed interessi diversi razionalmente componibili su base dialogica e democratica.

-----------------------------------------------------------------------

La Nostra Storia

1998-2006

Dopo i primi tre anni di iniziative "itineranti" (1998-2001) l'associazione incomincia ad operare all'interno di uno spazio fisico, grazie al progetto "La Tenda" in collaborazione con il Consorzio Monviso Solidale (Servizi Socio Assistenziali). Il Progetto "sede" del circolo Ratatoj inizia da una convenzione tra il Consorzio Monviso Solidale ed il circolo stesso. Nei locali dell'ex-Sala d'Arte "A. Bertoni" nel novembre 2001 è nato un Centro di aggregazione giovanile in uno spazio dove fino a pochi mesi prima era solo un magazzino dismesso, sporco e pieno di materiale buttato lì a mo' di discarica, ma con non poca fatica la nostra associazione si operata per pulirlo, ritinteggiralo ed arredarlo ed attrezzarlo con i (pochi) mezzi che avevamo a disposizione.
L'attività culturale inizia da subito con fermento: incontri, gruppi lettura, serate di cinema, e dalla stagione 2002-2003 iniziano i primi concerti musicali al Ratatoj, consolidando la programmazione nelle stagioni successive

2006-2015

Nel gennaio 2006, dopo un ampliamento della struttura, grazie ad una nuova convenzione e l'intervento del Comune di Saluzzo, ha rinnovato gli obiettivi e le finalità dello spazio di via alessi, con l'avvio della nuova sala prove musicale, affidandola in gestione alla nostra associazione.
Anche la sala concerti, dopo l'ampliamento diventa uno spazio più adeguato e professionale, portando il ratatoj ad essere il punto di riferimento per la musica indie in provincia di cuneo, con oltre 150 concerti in soli 5 anni.
Nasce anche il concorso musicale “Saluzzo Underground”, in collaborazione con il Comune di Saluzzo e l'Informagiovani, con una selezione accuratissima delle band locali e provenienti da tutto il Piemonte, con produzione e registrazioni di brani ed una compilation musicale conclusiva Avrà come apice la partecipazione della band vincitrice allo Stizegt Festival di Budapest (il più grande festival musicale in Europa).
In questo periodo si forma il gruppo di acquisto solidale del Ratatoj.

2015-2018

Dopo la “fine” della fase circolo, Il Ratatoj si pone come una ampia associazione culturale, aggregativa (sia di idee, che di persone), che spazia dalla gestione di beni pubblici, alla promozione sociale, artistica e culturale. Arriviamo quindi al momento di mettere a disposizione della città le esperienze e le professionalità acquisite, cercando di mantenere inalterate lo spirito e le motivazioni che ci hanno sempre qualificato: la valorizzazione della creatività, l'aggregazione associativa come forma di crescita e di confronto della comunità, l'attenzione ai processi culturali e artistici che investono la società contemporanea, la promozione di attività ed eventi a spiccata valenza sociale e culturale.
Dal 2016 gestiamo, per conto del Comune di Saluzzo, l'Antico Palazzo Comunale (il magnifico Salone per conferenze) e dal 2017 il Tasté Move, progetto di valorizzazione dei prodotti del Monviso e delle Valli Occitane.
L'associazione Ratatoj ha gestito nella stagione 2017-2018 il Teatro Civico di Saluzzo “Magda Olivero”.