News

Teatro Magda Olivero Stagione 2017-2018: 13.000 spettatori, 80 appuntamenti

ratatoj saluzzo teatro magda olivero politeama


TEATRO MAGDA OLIVERO - Stagione 2017-2018
80 APPUNTAMENTI - 13.000 SPETTATORI

La nuova sfida dell'associazione Ratatoj per l'anno 2017/18 è stata quella di prendere in gestione il Teatro Magda Olivero di Saluzzo, gestione affidata in via temporanea dall'attuale amministrazione comunale, il cui obiettivo era garantire la regolare apertura, chiusura, gestione tecnica dei locali arricchendone al contempo la programmazione artistica in un periodo identificato da settembre 2017 a maggio 2018. Il calendario di questi otto mesi si presentava denso di eventi, spettacoli, concerti, convegni già organizzati dal Comune stesso durante l'estate; abbiamo accolto questa sfida, non senza qualche dubbio iniziale, e riteniamo di averla vinta, considerando diversi fattori che andremo ad analizzare nelle righe successive.

Il nostro obiettivo, una volta firmata la convenzione col Comune, è stato da subito quello di riportare il Teatro al “centro della città” di Saluzzo: uno spazio che fosse il più possibile vivo, al suo interno ma anche e sopratutto concepito come tale dall'esterno. Per questo abbiamo concepito iniziative ed attività culturali che, sviluppandosi in maniera complementare col calendario già in essere, potessero portare in Via Palazzo di Città, punto nevralgico del centro cittadino saluzzese, quei contenuti, quei valori ed ideali che da sempre caratterizzano la nostra associazione, sin dai primi passi mossi nella vecchia sede di Via Alessi.

Questo particolare accento su una gestione associativa dello spazio ha dato i suoi frutti fin dalle prime aperture: il palcoscenico dell'Olivero non è stato più trattato come un mero contenitore vuoto da riempire con iniziative preimpostate ed organizzate da altri, ma una casa sicura, il più possibile accogliente, che potesse permettere la buona riuscita delle iniziative stesse, che potesse far sentire a proprio agio tanto gli artisti quanto il pubblico partecipante, e spesso pagante. Questo risultato è stato raggiunto nonostante le varie criticità che un edificio storico come questo porta in dote, alcune lampanti ed evidenti dal primo giorno, altre emerse nel corso dei mesi.

Tutto questo è stato possibile grazie al dinamismo, alla capacità e all'esperienza del direttivo dell'associazione, che, sfruttando le molteplici esperienze in ambito culturale, organizzativo, comunicativo maturate nel corso di più di un decennio di organizzazione eventi, unite alle importanti capacità ed attitudini individuali dei suoi stessi membri hanno dato un taglio allo spazio completamente diverso rispetto alle precedenti gestioni, differenziandosi in meglio dal passato.

Non è un caso che le iniziative ideate e realizzate dall'associazione siano state un successo, sotto tutti i punti di vista: culturale, organizzativo e di pubblico. Le varie professionalità sviluppate nel tempo dai membri dell'associazione hanno fatto la differenza: la direzione artistica, la comunicazione, l'amministrazione, la contabilità, l'attenzione ai dettagli sono state la ricetta che ha scavato il solco tra le nostre attività e la quasi totalità degli altri eventi, che hanno evidenziato tutte le loro carenze in questi suddetti ambiti.

 

NUMERI STAGIONE 2017/2018

N. 80 Appuntamenti totali

N. 13.000 Spettatori totali

 

LE INIZIATIVE DEL RATATOJ:

CONCERTI

Com'è noto, la musica dal vivo ricopre un'importanza fondamentale all'interno delle iniziative dell'associazione, e il nostro obiettivo è stato da subito quello di riuscire ad organizzare concerti secondo i nostri principi base: artisti di valore indiscusso, spesso affiancati da realtà emergenti meritevoli di uno spazio e di una vetrina importante, inseriti in un contesto tecnico (audio, palco, luci, fonici) adeguato al valore della proposta stessa. La nostra vasta e decennale esperienza in questo campo ha permesso di far giungere sul palco del teatro Olivero artisti di fama nazionale ed internazionale, contribuendo a portare Saluzzo agli onori delle cronache. Basti pensare alla prima nazionale del conclamato tour di Dente e Guido Catalano, che ha toccato i principali teatri italiani, o alla storica esibizione di Glen Matlock, bassista e fondatore dei Sex Pistols, coincidente con il quarantennale dall'uscita di Nevermind The Bollocks, storico seminale album della punk band britannica. 
Come riuscite, appassionate e coinvolgenti sono state altresì le altre due serate di musica dal vivo organizzate dal Ratatoj: quella di “Donna” Ginevra di Marco (ex C.S.I.) che ha proposto e omaggiato la stupenda voce e le sofferte note della cantautrice argentina Mercedes Sosa, e quella dei giovani ma già pienamente affermati torinesi Eugenio In Via di Gioia, che hanno fatto ballare e cantare un teatro Olivero al limite massimo della capienza.
I quattro “tutto esaurito” su quattro evidenziano la grande capacità del Ratatoj di leggere ed interpretare gli interessi di un pubblico in costante movimento e mutamento, che da parte sua ha risposto presente in maniera spontanea, coinvolta e disinvolta, riempendo i corridoi del teatro di persone di differenti età, sesso ed estrazione. 
Oggigiorno non basta organizzare iniziative di comprovato interesse culturale, è necessario individuare un target di riferimento il più ampio possibile ma allo stesso tempo differente per ogni iniziativa, un lavoro che ha in effetti attratto a Saluzzo non solo i nostri concittadini, ma anche decine e decine di persone da tutto il Piemonte e non solo.
Particolare attenzione è stata riservata all'aspetto promozionale, sfruttando vari canali e tutte le risorse a disposizione, dai più moderni ai più tradizionali:
- reperimento fondi tramite donazioni e sponsorizzazioni, in un'ottica di sinergia orizzontale;
- stampa e diffusione di materiale cartaceo;
- creazione di contenuti sponsorizzati tramite i social media Facebook e Instagram;
- pubblicazione puntuale di contenuti audio/video e fotografici (anche in diretta) relativi agli eventi;
- la promozione delle vendite via web in anteprima dei biglietti, alcuni a prezzo ultravantaggioso, unite alla creazione di un punto di stampa massiva all'interno della biglietteria del Teatro, ha sicuramente contribuito alla diffusione pubblica degli eventi stessi; da notare che in quasi tutti i concerti i biglietti sono andati esauriti parecchie settimane in anticipo.

CINEMA

L'associazione ha fortemente voluto sviluppare iniziative legate al mondo cinematografico, sia per valorizzare l'impianto di proiezione digitale esistente, sia per riaffermare il valore culturale della settima arte: per questo nel mese di febbraio saluzzesi e non hanno potuto assistere alla rassegna “L'Italia Che Non Si Vede”, trittico di proiezioni di opere prime di registi italiani, dall'altissimo valore culturale e sociale, organizzata col supporto di UCCA e di varie associazioni del territorio. La formula dell'abbonamento a prezzo ridotto ha funzionato, portando nell'arco di tre lunedì sera più di 150 differenti persone. Particolarmente emozionante la serata inaugurale, che ha visto sullo schermo l'ultima fatica di Daniele Gaglianone e Alfie Nze, Granma. Proprio la presenza del regista torinese ha contribuito, grazie ad una appassionata presentazione scivolata via tra aneddoti, racconti e analisi, a rendere l'appuntamento memorabile. 
Uno dei segreti del successo della rassegna è stata la valorizzazione della proficua collaborazione col circuito di UCCA (Unione Circoli Cinematografici Arci), già attiva da molti anni. Inoltre, come da consuetudine, si è cercato di coinvolgere il più possibile le diverse realtà locali attive in materia di cultura, diritti sociali e civili, immigrazione etc: se la partnership con il Comitato Arci Cuneo Monviso può sembrare (solamente all'apparenza) “scontata”, ecco che il frutto del lavoro della rete associativa si è visto con la fondamentale partecipazione dell'ANPI di Saluzzo, di Saluzzo Migrante, dell'Associazione Bella Ciao, senza dimenticare il patrocinio concesso dalla Città di Saluzzo. 

COLLABORAZIONI ED ATTIVITÀ DI RETE

Diverse e variegate sono le realtà che durante la gestione hanno collaborato attivamente e in maniera proficua con il Ratatoj: Arci Cuneo Monviso - Associazione Aritmia - Ass. Bella Ciao - Anpi Saluzzo - Saluzzo Migrante.
Si è inoltre instaurato un proficuo rapporto di collaborazione con moltissime attività commerciali della zona intorno a Via Palazzo di Città, che ha contribuito a migliorare l'accoglienza delle diverse fasce anagrafiche del pubblico partecipante, in particolar modo si citano il Montmartre Pub, il negozio di dischi On The Corner e le pizzerie Donna Valentina e Teatro del Gusto.
In fine un ringraziamento al Comune di Saluzzo, con particolare riferimento all'Assessorato alla Cultura, che ha creduto nel progetto e nelle potenzialità della nostra Associazione ogni giorno in questi otto mesi appena trascorsi.

di luned́ 18 giugno 2018